Scrittori
sezione di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 
Casa editrice senza contributi: FaLvision

Valutazione della casa editrice FaLvision

La casa editrice denominata FaLvision Editore ha sede in una località non rilevabile dal sito esaminato, probabilmente in Puglia.
Pubblica libri di narrativa, saggistica e poesia, anche in lingua Braille.
Dalla presentazione di questa casa editrice estraiamo quanto si riporta di seguito:

"...
FaLvision Editore nasce il 23 febbraio 2009 come casa editrice specializzata in lingua Braille e in allestimenti speciali in Large Print, DSA, Sign Writing e Comunicazione Sociale attraverso varie forme e contenuti. Allestimenti tattili per Musei, Parchi, Enti ed Aziende di vario settore e specializzazione.
...
Tutte le Collane Editoriali della FaLvision Editore vengono, col tempo e solo dallo stesso editore, prodotte anche in Lingua Braille, pertanto l'Editore è l'unico titolato a produrre in braille ogni propria pubblicazione nei tempi, modi e materiali che ritiene maggiormente utile.
FaLvision Editore produce opere editoriali in varie lingue non solo europee ed anch'esse trovano e troveranno sviluppo nella lingua braille. Pertanto ogni collana viene declinata al doppio in ogni sua caratteristica.
...
"

Questi sono i dati per i contatti con la redazione:

"Indirizzo mail per inviarci il vostro INEDITO
editalinedito@falvisioneditore.com
"

Non ci sono altre informazioni, se non l'indirizzo email di cui sopra, su come proporsi alla casa editrice con manoscritti inediti. L'editore chiede di inviare i propri dati agli autori, cosiderando che questi ultimi saprebbero tutto della casa editrice(?), e in redazione, viceversa, si sa poco di chi si propone. (Ma se nel sito non si parla di sedi e di altri dati per i contatti, se non un indirizzo email!)
Il sito, confuso nella sua esposizione, mostra un 2,3 mila "mi piace" di Facebook: poco credibile da chi ha esperienza di siti e di visite sul web.
Nostro giudizio
La valutazione, per tutte le suddette ragioni e secondo i nostri criteri, è neutra (per non dire negativa).
A scanso di spiacevoli equivoci, come sempre ci riferiamo unicamente agli interessi e ai desideri di chi, in qualità di autore, cerca un editore che non chiede contributo alcuno. Nulla da dire, ovviamente, sulle attività di questa casa editrice, come di tutte le altre recensite nei nostri nutritissimi elenchi.  
 
Torna all'elenco di case editrici che non chiedono contributo.