Casa dolce casa
blog di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 

           ------------------------------------------------------------
           Clicca qui per il login oppure qui per registrarti.
           ------------------------------------------------------------

Archivio di Luglio 2006

il frigorifero

Lunedì 31 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Se non si può fare a meno di questo elettrodomestico bisogna anche sapere che esso non ha una temperatura uniforme al suo interno. Tanto è vero che le industrie alimentari (anche bar, ristoranti, mense collettive, e simili) devono fornirsi di un termometro da porre accanto ai cibi e rilevare periodicamente la temperatura di esercizio.

Ed è una questione non di poco conto anche nelle nostre abitazioni: la piastra refrigerante si trova sul retro del vano e non cede freddo a tutto ciò che contiene il frigo allo stesso modo. Gli alimenti più vicini ad essa si raffreddano e si conservano meglio e più a lungo. Ma il problema è per tutto quello che, specie in estate, viene immesso anche se para che non ci sia più spazio all’interno. Succede così che qualcosa vada a male.

L’importante è sapere questa storia e preoccuparsene ogni tanto: il frigorifero non fa miracoli, ritarda solo il deterioramento dei cibi, se può.

l’impiantista intelligente?

Domenica 30 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Doveva far passare delle guaine per l’impianto elettrico e non riusciva, evidentemente a trovare soluzioni più comode così, con il demolitore elettrico, pensò bene di scalfire un pilastro in cemento armato. Ma alla fine andò molto oltre e tolse una decina di centimetri di calcestruzzo su un lato e su un altro, nei pressi di un angolo. Oltre non potette andare perchè c’erano i ferri di armatura.

Che cosa gli dovevi dire? L’unica cosa forse sarebbe stata quella di fargli demolire l’intera struttura a suo carico e fargliela ricostruire a regola d’arte. Ma pensai che era troppo oneroso, allora ancora sulle spalle del direttore dei lavori si posizionò pure la responsabilità di quella tortura ad un tranquillo pilastro di una casa.

la scopa di plastica

Sabato 29 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Certo era un’ottima scopa quella che mia moglie comprò, a caro prezzo, qualche tempo fa. Peccato che aveva l’attacco con il manico fatto di plastica e, con l’uso, si era pian piano arrotondato negli spigoli della vite, cosicchè l’incatsro non era più stabile. A nulla servivano i miei continui aggiustamenti con rimedi di nastro adesivo di carta, in modo da fare un ringrosso che fissasse le due parti.

Alla fine ho dovuto decidermi a prendere il trapano e ad inserirvi una vite da falegname, dopo aver traforato le due parti: la scopa (di plastica) ed il manico (con la parte terminale di plastica.

Insomma ciò che doveva resistere maggiormente era la parte più vulnerabile dell’intero attrezzo per la pulizia della casa.

Mi chiedo quando vogliono finire di abbandonarsi a questo uso indiscriminato di oggetti di plastica che, a conti fatti, costano ben di più. Vuoi vedere che tra poco qualcuno pensa di poter costruire anche una casa di plastica?

la scatola di cartone

Venerdì 28 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Non sono ancora riuscito a capire perchè mai alcune paste alimentari (spaghetti ed altro) siano confezionati in scatole di cartone. E pensare che c’è anche una famosissima ditta italiana che produce qualità ottime di pasta che mantengono la cottura molto bene. Eppure amcora non hanno capito che il cartone è poroso, assorbe umidità, col tempo puzza, può assorbire gli inchiostri della parte esterna molto colorata della scatola e, infine, è poco igienico.

Dirò di più, se penso a quando ero bambino e si usava la pasta venduta a chilo senza alcuna confezione: una volta giocavamo a pallone e questo entrò in un negozio proprio sullo scaffale della pasta, coperto con un vetro, che si ruppe mandando mille pezzi a confondersi con dei tubetti: furono venduti ugualmente dopo una sommaria pulitura superficiale.

Ma ora esiste il cosiddeetto HACCP (un metodo di autocontrollo dell’igiene per le ditte che hanno a che fare con l’alimentazione, e che cosa? ancora la carta?

Questo fatto secondo me deve essere una discriminante per decidere quale marca di spaghetti o di conchiglie o di tortiglioni acquistare, ricordatelo.

il gattino nero

Martedì 25 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

L’altro giorno un gattino nero si era sdraiato sul muro di pietre a secco di fronte l’entrata del mio studio. L’avevo notato per caso e, siccome avevo un gatto simile qualche anno fa e che poi scomparve senza lasciarci alcun messaggio, volevo immortalarlo in una foto.

Ci è voluto un bel pò di tempo per spostare la tendina e metterlo a fuoco da dietro i vetri, senza farlo scappare. Alla fine lui mi guardava come a dire:

- Ma che vuole questo tipo strano?

….e non si è mosso affatto, anzi si è sistemato in posa, mi ha fissato l’obiettivo ed è venuta fuori una bellissima foto.

indumenti al contrario

Martedì 25 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Effettivamente un pò per evitare di scucire, non tagliare perchè restano parti appuntite, le etichette, un pò per il fastidio che mi danno le cuciture, preferisco indossare mutande e canottiere al contrario: l’esterno rivoto verso l’interno.

Ma poi penso che i produttori devono anche essere un pò sadici se confezionano con maggior cura la parte che non tocca la pelle.

Chissà se qualcuno di essi non legga questo blog e ne tragga le dovute conseguenze. Noto che sono molti quelli come me.

il cocomero

Sabato 22 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Se non fosse il problema che, dopo, sono costretto ad andare al bagno molteplici volte mangierei anche solo cocomero al pasto di mezzogiorno. Oppure ne mangerei molto di più di quanto già, spopositatamente, mi va di mangiarne.

E’ un frutto che mi piace perchè mi rinfresca, non mi appesantisce, fornisce poche calorie e tanta acqua che serve al nostro organismo e, poi, è dolce….quando non è una cocuzza.

D’estate va proprio a pennello…lo consiglio, anche se a qualcuno può dare fastidio la quantità di semi che contiene. Si ci fa l’abitudine.

chi è più intelligente il pc o voi?

Venerdì 21 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Questo chiese uno stupido insegnante entrando in aula ad alcuni ragazzini delle scuole medie. La risposta sicuramente non la conosceva nemmeno lui, diversamente si sarebbe astenuto da questa problematica.

Sì, perchè, anche se può sembrare falso, il pc è molto più intelligente dell’uomo. Certo, si tratta di stabilire che cosa si intenda per intelligenza, ma non bisogna pensare che una macchina sia priva di capacità di scelta e mi spiego con pochi esempi. La questione non si può schematizzare in modo tanto semplice, ma almeno nemmeno la si deve ridicolizzare.

Dunque, se ad ogni tipo di valutazione qualitativa viene associata una quantità, un numero, alla fine abbiamo una scala di valori tra cui opzionare quello necessario. Se la qualità diviene, e può divenire, una gradualità della quantità, allora il passaggio è più semplice di quanto si creda.

Inoltre non si dimentichi lo spazio della memoria, sicuramente a vantaggio del pc, o delle sue periferiche. Basti pensare al gioco degli scacchi. Il computer può memorizzare una serie infinita di scelte tra cui scegliere al momento e fare una lunghissima quantità di calcoli che noi non ce li immaginiamo nemmeno, ed in pohcissimo tempo.

Verrà il giorno che esisteranno macchine pensanti, intelligenti, capaci di rispondere alle nostre domande anche di natura affettiva, dei robot.

Non c’è bisogno di scomodare la filosofia.

Roma 20 luglio 1976

Giovedì 20 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Ebbene sono passati trent’anni oggi che mi laureai. Sono vecchietto a ben pensarci, ma è vecchio e stanco chi non sente più stimoli e non ha nulla o quasi più da dire, mentre io me la cavo ancora a dire la mia.

E questo lo scrivo più per me stesso che per altro, forse solo per cercare ancora una volta Umberto che era con me in quel periodo a studiare e ci laureammo insieme in Architettura. Poi l’ho perso di vista per sempre, se si esclude un incredibile incontro a Roma dopo una decina d’anni per un puro caso. Eravamo entrambi di passaggio.

Tutto passa, restano i ricordi e quel pò che si riesce a costruire.

la scimmia

Giovedì 20 Luglio 2006

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Quando ero all’università, qualche annetto fa, ebbi il primo presalario con mia somma gioia. Mi vidi nelle mani tanti soldi quanti non ne avevo mai visto prima e dovevo pensare a come spenderli, quasi che non dovessero servirmi per tutto l’anno.

Così mi decisi di comprare una scimmia. Una piccola, di quelle che avrei potuto tenere anche sulle spalle.

Meno male che sorsero problemi nella casa dove vivevo, con gli altri miei compagni di studio, altrimenti avrei speso soldi inutili e avrei dovuto anche provvedere a rivendere l’animale, ammesso che si poteva comprare.

Resta il fatto, nella storia, che chi non sa amministrare combina guai oppure chi ha più di quello che si aspetta non sa come usarlo.

Mettiamola così…adesso ne sorrido.


18446744073709551615
Deprecated: Function split() is deprecated in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\cache.php on line 215

Deprecated: Function split() is deprecated in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\cache.php on line 215

Deprecated: Function split() is deprecated in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\cache.php on line 215

Deprecated: Function split() is deprecated in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\cache.php on line 215