Casa dolce casa
blog di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 

           ------------------------------------------------------------
           Clicca qui per il login oppure qui per registrarti.
           ------------------------------------------------------------

Archivio della Categoria 'Software'

il telecomando

Venerdì 13 Aprile 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La mia figlioletta, comica spesso nelle sue esternazioni, adesso ha coniato un altro termine per chiamare il telecomando. Lo chiama TELECOM. E mi pare davvero una bella idea.

E’ la stessa che chiamava Seedorf con la metatesi qualitativa Sedafor…

i cretini della rete

Giovedì 5 Aprile 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Quasi ogni giorno mi tocca cancellare dei commenti stupidi al mio blog. Chiamiamoli commenti, ma in realtà sono solo dei link con siti di medicine tipo viagra o, addirittura, con immagini porno e simili schifezze.

Questi signori, nominiamoli cos√¨, ma della signorilit√† non hanno nulla e non li avvinerei nemmeno al mondo animale perch√® ‘gli animali’ sono molto pi√Ļ seri e intelligenti, credono di farsi pubblicit√† o prendere in giro il prossimo. Invece il loro unico risultato √® quello di farmi controllare il blog e ripulirlo ogni giorno delle loro idiozie.

Resto sempre dell’avviso che occorre una legge internazionale per internet, altrimenti si corre verso la paralisi. E come pu√≤ essere una legge internazionale? Basta mettersi d’accordo tra i principali utilizzatori della rete (America, Europa, Cina, India principalmente) ed accettare una legge da promulgare identica in ogni Stato. Chi ne contravviene deve subire la stessa punizione, ma che sia vera e seria e non solo carezze. Perch√® chi attenta alla seriet√† di internet commette, come ripeto da sempre, un reato contro ‘la civilt√† umana’.

Vorrei vedere dopo se esisteranno ancora idioti come quelli che ho decsritto o coloro che usano la posta elettronica per inviare immondizia o, peggio, ordinare prodotti che vorrebbero poi non pagare…..(le famose truffe, in tutti i sensi).

Aspetto commenti, questa volta opportuni.

Cristian De Sica

Domenica 25 Marzo 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Suo padre era molto pi√Ļ misurato nella getsualit√† che in Cristian appare troppo evidente e, a volte, irritante. Per questo motivo non √® stato un fenomeno. Poi ha scelto anche di studiarsi il pi√Ļ grande attore romano: Alberto Sordi. Ed allora ha trovato una sua strada, un p√≤ diversa da quella della iniziale (e comunque tuttora presente) copiatuta dei comportamenti del padre sulla scena.

Cristian forse ci guadagna nbell’allontanarsi da Boldi con il quale ha fatto coppia in tantissimi film, perch√® ora √® costretto ad inventare la sua personalit√†. Di Alberto Sordi non ha preso solo lo sguardo nelle situazioni particolari e comiche, ma ancohe il tono della voce, come quel breve e tecnico tremore quando dice “non √® che mi si rovina la giacchetta” nella famosa pubblicit√† del telefono.

Per questo, e non solo perchè è un mio coetaneo, dico a Cristian che è stato promosso.

il diritto di recesso

Mercoledì 7 Marzo 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Talora non si conoscono le leggi in maniera precisa oppure non le si conoscono affatto. Mi riferisco qui al codice del consumo che contempla il diritto di recesso. Questa clausola di ripensamento, per chi acquista, era prevista anche nella norma precedente abrogata (chi vuole trovare la legge al riguardo provi cliccando qui). Non tutti sanno, per√≤, che il diritto √® riconosciuto solo a certe condizioni e qui riporto le due pi√Ļ importanti:

la prima √® che l’acquirente sia inesperto del prodotto e che essa non faccia parte della sua attivit√† professionale, diversamente non rientra nel suo diritto formulare il recesso;

la seconda è che il prodotto sia reso nelle condizioni in cui si è acquistato: non si può rendere una scatola di cioccolatini che si è aperta o un software che è stato installato o per il quale sono stati tolti i sigilli.

Se si tratta di un’inadempienza del venditore, oppure se il prodotto √® avariato o strappato (come un pantalone) allora non si tratta di recesso (che non deve essere giustificato), ma di un difetto del contratto e quindi ne pu√≤ essere chiesta la rescissione (sempre con raccomandata con avviso di ricevimento).

Matteo Arpe resta amministratore delegato di Capitalia

Giovedì 22 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La notizia pu√≤ essere commentata come si vuole dopo i litigi tra Geronzi, presidente di Capitalia ed il giovane a.d., per√≤ vi √® da dire una cosa sicuramente importantissima. E’ mai possibile che ancora non si riesca a capire che i panni sporci si lavano in famiglia? Allora, invece, che cosa √® successo?

Dopo tanto clamore inutile, e direi quasi da bambini, il risultato √® che qualche operatore di borsa ci ha rimesso un bel p√≤ di quattrini se √® vero che Capitalia quotava tranquillamente almeno 7,06 euro prima della notizia della prospettata revoca all’amministratore delegato del mandato e poi era scesa fino a 6,54 euro! Certo, √® risalita alla notizia delle pubbliche scuse di Arpe a Geronzi, ma chi ha perso non riguadagna il proprio capitale.

Allora vorrei sapere chi paga questa frana rapida delle azioni in borsa e se è stato tutto lecito, legittimo, corretto. Non si scherza con i soldi degli altri e chi amministra una banca dovrebbe saperlo.

il vaglia postale va a piedi

Mercoledì 21 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Non riesco a capire per quale motivo quando spedisco¬† un disco dei mie software contrassegno il vaglia mi arrivi dopo¬† 15 giorni. Ho anche scritto alle Poste Italiane, ma nessuna risposta. All’Ufficio Postale da cui spedisco mi rispondono che non √® colpa loro. Ma ci sar√† qualcuno capace di fornire una degna rispsota all’argomento. I soldi, pure pagati dal¬† cliente dopo un paio di giorni, fanno il giro d’Italia: Roma , Collecchio,¬† e poi qui da me.

Inoltre non è chiaro, se io chiedo di avere una certa somma, per quale motivo mi giungano sempre due o tre euro in meno. Insomma le Poste Italiane cercano ci andare dietro agli eventi, ma arrancano, non sopportano la velocità della tecnologia e non riescono a starne dietro.

Invito tutti a farsi una banca online e a lasciare al suo destino la posta tradizionale, anche se si vuole trasformare in una sorta di banca: tempi lunghissimi per tutto.

libri a basso costo

Venerdì 16 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

In Italia √® risaputo che si legge poco e mi sono chiesto spesso il motivo di ci√≤. Forse una spiegazione √® nel fatto del carattere degli italiani che amano pi√Ļ l’aria aperta, la rapidit√† della comunicazione, il telefonino, gli SMS e poco la riflessione, la riservatezza che pure erano tipici delle nostre citt√† medioevali.

Un altro aspetto riguarda i prezzi dei libri, non nel senso che sono cari, ma che bisogna trovare un sistema di abbassarli per portare pi√Ļ lettori verso di loro. In internet esistono varie possibilit√† di ricevere a casa libri a basso costo o comuqnue con risparmio rispetto ad un acquisto tradizionale. Potrebbe essere gi√† un’idea di potenziare questo metodo: in questo caso √® necessario l’intervento dello Stato e di leggi adeguate.

Posso solo suggerire di recarsi in questa pagina http://www.softwareparadiso.it/studio/libri.htm

dove √® possibile scegliere, con un’apposita maschera di ricerca o acquistare tre libri a soli 50 centesimi cadauno.

professoressa si fa toccare a scuola

Venerdì 16 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Dopo la storia della professoressa di matematica del Molise, emigrata al nord Italia, ora è di nuovo polemica sui comportamenti dei professori e degli alunni a scuola. La professoressa di Lecce che, come si vede sul web, si lascia toccare il sedere semiscoperto dai suoi alunni mentre parla della lezione.

Qualcuno dice di proibire i telefonini a scuola, e sono d’accordo, ma non risolve il problema della maleducazione e dell’incivilt√† che la scuola italiana sta vivendo sempre pi√Ļ. Come meravigliarsi se poi coloro che ne escono sono costruiti su principi scadenti?

Mi viene in mente l’autonomia scolastica che doveva portare ordine, chiarezza e maggiore vicinanza ai problemi del luogo ed invece ha portato tutto il contrario con i presidi che molto spesso fanno i propri interessi e quelli dei propri amici. Cos√¨ vedo insegnanti (?) che lavorano anche senza laurea e senza un diploma, oppure dirigenti scolastici che non si presentano in presidenza per settimane, o ancora gite organizzate per i loro figli (ad ufo) ed a carico di tutti gli alunni.

L√ß’ingoranza √® come la bomba atomica dice un proverbio e talora √® quasi cos√¨. Chi sar√† capace di riportare un p√≤ di rigore e sani principi per i giovani di domani?

la lavastoviglie

Giovedì 15 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

La lavastoviglie √® un elettromestico utilissimo al giorno d’oggi. Con poca spesa di elettricit√† e di detersivo si ottengono stoviglie pulite, piatti splendenti e senza quasi alcuna fatica.

Il segreto per risparmiare sta nel non usare programmi che durano delle ore: basta pulire i piatti dei residui pi√Ļ grossi e lasciare fare tutto il resto alla lavastoviglie che anche con mezz’ora fornisce tutto pulito

Se si pensa che una donna di casa che lava i piatti a mano deve fare questa operazione per ben 29200 volte in 40 anni, allora si comprende come la salute sia davvero curata facendo lavorare la macchina. Il ciclo di lavaggio ridotto funziona bene, sar√†suffciente avere l’accortezza di fare un doppio o un triplo risciacquo alla fine (sempre con la lavastoviglie) e si risparmia anche un euro per ogni lavaggio che, cos√¨, viene a costare solo 15 o 20 centesimi, tutto compreso (escluso il costo dell’elettrodomestico e… il rumore del motore).

acquisti a rate

Giovedì 15 Febbraio 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\softwareparadisoit\blog\wp-includes\functions-formatting.php on line 76

Attenzione agli acquisti a rate. Tutte le pubblicita’ che promuovono l’acquisto a rate nella maggior parte dei casi promettono spese irrisorie e tassi di interesse minimi. In realta’, se poi si leggono attentamente le condizioni del finanziamento, si scopre che i costi da sostenere sono ben maggiori. Anzi talora si tratta di vere e proprie truffe. E’ difficile difendersi quando non si riesce a leggere tutte le clausole del contratto, sia perch√® sono scritte volutamente con caratteri invisibili (specie per chi ha occhiali), sia perch√® sono troppe. Anche se si firma un tale contratto vige la regola del ripensamento, senza dover affrontare alcuna spesa aggiuntiva o penale.

Dunque attenzione prima, ma anche dopo la firma di un contratto non troppo chiaro. Ci capitano spesso le psrsone anziane, ma non solo. Dico ai nipoti e ai figli di vigilare sui loro parenti meno capaci di riconoscere la cattiveria di tanta gente del mondo d’oggi!


18446744073709551615