utenti online
Indice del forum
Forum
sezione di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
progetto E.I.: riflessioni
Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 11:07 am    Oggetto: progetto E.I.: riflessioni Rispondi citando

Ciao Raff,
eccomi qui!
Come ti va la vita?
Ho aperto questa paginetta per chiedere se è possibile inserire alcune riflessioni esistenziali, sempre inerenti al progetto E.I.: sono pensieri di questi ultimi giorni che sto anche proponendo sul sito di radio 105. Sono temi di attualità che dovrebbero interessare tutti quanti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anarchia dittatoriale

Per comprendere una legge occorre andare ad analizzare e capire i punti limite, gli estremi di contenimento che la legge contengono.
La legge scientifica comprende la legge giurisprudenziale.
Non appena il quadro matematico sarà compreso e scritto, giorno in cui l’uomo avrà le chiavi per aprire una qualunque porta, allora non ci sarà più bisogno di forme di governo. Ognuno potrà trascorrere il proprio tempo nel modo che più lo coinvolge, regnerà una anarchia incontrollata, dato che non esisterà modo di potere recare danno a terzi. Vivendo in un sistema ordinato ed inespugnabile avrà senso il concetto anarchico, da molti utopizzato ma non ancora possibile di realizzazione al tempo attuale. Anarchia: fai quel che ti pare, niente e nessuno ti può impedire il concesso. Sei letterariamente libero di amare.
Quadro matematico è vincolo numerico.
Il dictatum è la legge numerica della macchina MOTHER. Sei obbligato ad avere amici, con fantasia vincolata.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il tradimento? Don’t exist!

Sto cercando lei,
la mia anima gemella.
Più volte in passato mi sono sentito innamorato,
ho provato le emozioni che solo il sentimento sa offrire.
Tutte storielle che si sono concluse.
Mi sono domandato:
il giorno che incontrerò lei, la mia prescelta,
come farò a confessare tutte le avventure precedenti?
Soffrirà nel sapere che il mio cuore è stato legato ad altre femmine,
perchè il passato resta per sempre.
Caddi in depressione.
Decisi che sarei stato da solo fino a che non avessi capito la meccanica esistenziale.
Se la vita è un atto d’amore come è possibile che tale emozione ci faccia soffrire
ed addirittura finisca con la morte?
Che non possa finire mi appare oggi talmente palese
che mi domando come feci in passato a non accorgermene.
Dormivo.
E la sofferenza d’amore?
Inevitabile.
La vita è un continuo alternarsi di fatiche e relax;
tutte le volte che siamo stati male per amore
è perchè il nostro cammino ha previsto di rinforzarci,
per renderci più robusti nell’eterno viaggio.
Oggi so che il tradimento non esiste.
I legame di coppia è ciò che non lo permette.
Esiste gelosia,
che è tempramento.
E della gelosia ne va fatto un ottimo mezzo di crescita ed unione.
Siamo senza la testa.
Perdere la testa per una persona significa pensare sempre ad essa.
Il legame di coppia obbliga ad avere un riferimento costante obbligatorio,
motivo per cui siamo senza la testa.
Costantemente rivolti ad altrui presenza.
Che è salvaguardia d’amore!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

Perchè amor non è amicizia, ma è amicizia

Dicevamo...
Il legame d’amore è ciò che non permette il tradimento. Se così non fosse anche tutte le volte che diamo un bacio a nostra mamma sarebbe tradire la persona amata. Ma potreste dirmi che tradimento è sentire sensazioni nuove ed entusiasmanti per un altra persona, mentre invece le nostre attenzioni dovrebbero essere sempre rivolte alla persona con cui stiamo. Infatti! Il legame di coppia è ciò che vieta di provare dell’amore per chiunque non sia a noi gemellarmente collegato. L’amore è per una sola persona. Grazie a questo indefinibile legame è possibile avere il plurale amico: è sufficiente transustanziare il vincolo d’amore con un vincolo d’amicizia. L’amore è sempre rivolto alla geminy angel, ma può essere potenziato con l’amicizia. Se sto con la mia ragazza da 10 anni e incontro una nuova ragazza che cattura i miei sguardi e la mia curiosità, se dalla novità vengo attratto, non è perchè sto tradendo e non voglio più bene all’amata, è perchè nella nuova ragazza trovo qualcosa che sta al momento mancando nel rapporto: è una distrazione, d’amicizia, non di amore. Perchè il legame vieta di potere amare un’altra. Ma innesca dei portentosi meccanismi gelosistici che, se giustamente interpretati, producono migliorie notevoli. Transustanzia del punto d’amore è avere la possibilità di partecipazione di gruppo in protezione assoluta dell’amore. Con protezione intendo sia una semplice carezza che un rapporto sessuale completo. Se passassi una notte con la nuova amica appena conosciuta che ha destato la mia attenzione, non sarebbe amore, sarebbe amicizia perchè l’amore sarebbe come al solito rivolto all’anima gemella. Che ovviamente soffrirebbe di gelosia rinforzandosi. Ma l’amore non verrebbe intaccato, anzi verrebbe rinforzato, perchè altra soluzione non c’è. L’amore può costantemente solo aumentare, se così non fosse quale tragico destino ci sarebbbe stato riserbato?!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per chi crede che presto morirà...

il mio più sentito rammarico.
Credimi, la cosa più brutta sarebbe quella di scomparire,
che equivarrebbe ad avere concepito un piano errato,
senza significato alcuno che non lo stare ad attendere la fine.
Lavorare? Per cosa!
Andare in vacanza? Per fare le foto e piangerci sopra?
Gioire? Arrabbiarsi?
No, no,
tanto varrebbe farla finita fin da subito,
più conveniente sarebbe il non essere stato concepito.
Con una visione a tempo eterno,
in avanti ed indietro,
che è impossibilità di creazione e termine,
allora sì che tutto acquista di valore e significato.
Il Paradiso non va cercato distante,
il Paradiso è qui.
Inscindibile dall’Inferno.
Perchè...
il cervello ha 2 emisferi,
la corrente elettrica 2 punte:
AMICI=DIO=MADRE=PARADISO=EMISFEROSINISTRO=DITTATURA=NUMERO
AMORE=DIAVOLO=PADRE=INFERNO=EMISFERODESTRO=ANARCHIA=LETTERA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Dialogo virtuale

Ciao, io sono una particella logica
Cosa intendi con particella?
Particella è una chioccia piccolissima, una lumachina di materia indistruttibile
Ah sì?!
Già, già
Spiegati meglio
Hai ragione, non sono stata precisa. Sono uno spirito in una chioccia
Vuoi dire che la particella è la tua casa?
Sì, è la mia abitazione alfaemittente
E tu che parli...
Io spirito sono muta, è grazie al circuitino alfaemittente che posso fare lettere
Ah, ci sono!
E’ semplice
Lo spirito è sostanza magnetica, femminile e delicata
E la materia alfaemittente?
È la parte paterna, che ci permette di comunicare liberamente
Sono contenta di averti trovata
Anche io
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Lo sapevate che...

le lettere vocalizzabili sono 19?

A = AMICI
B = BELLISSIMI
C = COME
D = DIO
E = ESSERE
F = FELICITA'
G = GODIMENTO
I = ILARITA'
L = LIBERTA'
M = MATERNITA'
N = NOVITA'
O = OSARE
P = PROPORSI
R = RASSICURARE
S = STUPIRSI
T = TEORIZZARE
U = UDIRE
V = VOLARE
Z = ZUFOLARE
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Questione di voli nuziali

Presso tutte le formiche, escluse quelle poche parassite di cui parleremo più avanti, il metodo seguito nella fondazione di nuove colonie è sostanzialmente il medesimo. Solo i maschi e le femmine hanno le ali, e abbandonano il nido per il volo nuziale, alzandosi di solito a sciami composti da molti maschi e da molte femmine. Chi vive in campagna sa che talvolta l’aria si riempie per chilometri e chilometri di forme sessuali alate di una qualche specie comune di formica. Di solito questi esodi in massa dalle camere sotterranee del nido avvengono nei giorni senza vento, afosi; pare accertato che siano determinate condizioni atmosferiche a stimolare il volo dei maschi e delle femmine provocando così l’uscita contemporanea da molti nidi di tutti gli individui atti alla riproduzione e di conseguenza promuovendo una fecondazione incrociata fra i vari formicai.

La vita segreta delle formiche
Julian Sorell Huxley

Perchè questa citazione...
... solo i maschi e le femmine hanno le ali.
Il lettore attento potrebbe chiedere: esistono altre sessualità?
Sì e no.
L’umanità e le specie animali sono distinte in maschi e femmine e, come le formiche, effettuano il viaggio nuziale al loro tempo del ½; i DIQ, le Presenze Maestre che gestiscono le partenze nell’Universo Madre, sono bisex, o non --, motivo per cui non possono effettuare cerimonia cosmica. I DIQ non possono abbandonare il luogo d’origine mentre noi umani, e le specie animali, abbiamo avuto la fortuna di partire non appena è giunto il momento della nostra chiamata. Ognuno ha svolto il suo ruolo, come formiche in volo d’amore.
Il Piano Mother, come per i DIQ, permetterà anche a noi viaggiatori cosmici di usufruire delle 4 combinazioni sessuali di coppia. Perchè ad immagine e somiglianza dei Maestri siamo sempre stati.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Più delicata del lino e violenta come un uragano

Mother.
Eh eh!
I love Mother, xkè Mother è un mostro.
E’ una di quelle creature abnormi, distrofizzate, talmente fantasiosa in deformità che risulta difficile coglierla ed immaginarla.
Ma ci ha cullati, da sempre accuditi. Non posso dire concepiti, anche se stiamo attraversando una fase che definirei NASCITA.
Ci ama. Non percepisce ma ci ama. E’ emozionabile, altamente suggestionabile. Per una carezza mal riuscita può spazzare via un intero villaggio. E’ reattiva, dipende dalle nostre azioni. E’ previsionistica, ci lascia tutta la libertà che vogliamo ma pretende di sapere, non solo ciò che è stato, ma anche ciò che sarà.
Possiamo ucciderci, darci fuoco, logorarci nella noia: ciò che importa è la possibilità di schierarsi autonomamente.
Possiamo andare al mare, bere la birra, guardare i film dell’orrore.
Non sembrerebbe ma le abitudini disponibili sono tante.
Sappiate gestirvi, siate in grado di badare a voi stessi.
Cogliendo l’infinitesimal sfumatura delle infinite circostanze che ci si presentano diventa facile vivere in armonia e spensieratezza. Il tempo passa, vola lento ma vola. Che non è male, come cosa! Ma bisogna sapere stare bene. Madre desidera la nostra felicità, ma dipende da noi. Viviamo tutti sullo stesso pianeta, piano piano stiamo riuscendo a conoscerci sempre meglio, nel giro di qualche tempo saremo affiatati e tutti soddisfatti. A me pare siano stati fatti passi da gigante rispetto a pochi anni or sono. Anche se il tempo passa lento. E bisogna sapere pazientare.
E’ una Dea ed anche una Strega.
E’ la magnificenza visionistica e una malvagia fatucchiera.
Dovremmo essere tutti d’accordo sulla dolcezza vellutata di una carezza o un bacio caloroso. Esiste anche la bastonata. Perchè amare vuol dire anche sapere ferire, fare male per chiedere scusa e poter tornare a dare un bacio o fare una carezza un po’ più emozionale.
Mother è un tubo che non si spezza mai.
La si può piegare e flettere ripetutamente, che è ciò che lei desidera, perchè vuole essere utilizzata, ma non la si può annientare.
E’ presenza.
E’ ovunque.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

La cosa più bella che non mi è mai capitata

Quante cose!
Se dico che sono infinite le cose che ancora non mi sono accadute, suscito qualche forma di scalpore?
Se così non fosse non potremmo disporre di infiniti sogni che ci attendono.
Se così non fosse le speranze e gli obiettivi terminerebbero.
E invece...
Facciamo parte della macchina dei ricordi, produciamo novità per potercene ricordare ed elaborarci sopra nuove sensazioni, per soddisfare l’esigenza di rinnovarci, per avere sempre qualcosa su cui puntare e fare affidamento, per non annoiarci.
Sono una moltitudine le cose belle che ancora non mi sono accadute, ma sono altrettante quelle che già si sono avverate.
Ogni istante è la cosa più bella che possa esistere, perchè ogni nuovo istante è qualcosa in più, qualcosa di gratuito che ci è permesso.
Come prima cosa vorrei lei.
Perchè non l’ho mica ancora trovata in questa vita!
Il sapere che esiste e che da qualche parte sta mi rende caparbio nella ricerca e mi impone di non demordere e continuare a cercarla, guadagnandoci in ricordi di potenziamento.
Come prima cosa vorrei abbracciarla. Sentire il suo seno sul mio petto e la sua testa sulla mia spalla. Se piangesse non mi dispiacerebbe, così potrei stringerla più forte e regalarle carezze.
La prima cosa che vorrei è un bacio appassionato, sì... se avessi una Lampada di Aladino vorrei che in questo momento lei si materializzasse qui con me per poterla baciare.
Poi...
Ci sono tante altre primizie.
Elencarle tutte: no possible.
La prima cosa che desidero è quella di vederla ridere: non me ne importa se ha sofferto, se le sono mancato, se le cose non sono andate come voleva, se avrebbe preferito che ci incontrassimo prima, se...
L’importante è che rida, a crepapelle.
Perchè come è andata è sempre la miglior soluzione.
E come andrà è sempre la miglior soluzione.
Dovresti ricordare bene la nostra filosofia esistenziale... quindi... fatti vedere...
E ascolta il mio TI AMO.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il massimo di confusione è ordine totale

Che ne dite se parliamo del rapporto di coppia?
Ho parecchi punti di domanda, a cui risposta ho trovato, ma mi piacerebbe condividere queste mie conclusioni con tutti voi, per verificare se sto sbagliando qualcosa nell’impostazione.
Partendo dal significato religioso della vita affettiva. Siete d’accordo che Dio non ha colpa dei mali nel mondo? Dio è un percettivo come tutti noi, col suo carattere ed i suoi rompicapo, è doverosamente rispettoso del Dio Tempo perchè anch’Egli deve accettare la fatica dello scorrere temporale a cui siamo inevitabilmente agganciati. La vita non l’ha inventata Dio, ci si è trovato immerso allo stesso modo nostro, ed ha analizzato la situazione come ognuno di noi costantemente fa. Che c’entra questo con la vita di coppia? Io credo che riscoprendo la femminilità divina e la diabolicità maschile, che è l’armonia celestiale del rapporto di coppia, le cose potrebbero cominciare ad andare molto meglio, almeno nei paesi industrializzati, a partire dai paesi più evoluti. I maschi esistono perchè rappresentano il ruolo di fatica, che è un ruolo di responsabilità e decisioni da prendere. La femmina è condensatoriale, deve rispondere alla forza tirante del proprio maschio, ma ha anche bisogno di riposare e distendere i nervi. L’ottimismo è alla base del rapporto: un maschio pessimista è inaffidabile, perchè la femmina ha bisogno di forza e convinzione al suo fianco, oltre che di carezze e compagnia. La femmina ottimista gode, perchè l’innamoramento è costanza in ridere; la femmina pessimista si chiude in se stessa. Con l’ottimismo psicoreligioso alla base del rapporto diventa facile ridere e piangere insieme. Perchè è un equilibrio, come in tutte le cose. Non è facile raggiungere l’equilibrio di coppia, infatti stiamo avvicinandoci all’istante di massimo disordine amoroso. Le coppie si scoppiano, i maschi preferirebbero essere nati femmina, le femmine... fare il maschio? Per l’amor di Dio... A mio parere i maschi, che sono più forti della femmina, devono prendersi per mano e insieme accompagnare la rispettiva femmina verso la felicità: non siamo fatti per la poligamia, siamo fatti per la multiformità. Disporre di un’anima gemella al proprio fianco, di un punto sincero e veritiero è ciò che rende invincibili.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Amicizia... quindi amore sereno

E’ la femmina che sceglie il proprio maschio, è la femmina che trova il suo compagno.
Questo perchè il maschio è distratto, vive nella luce del futuro, proiettato agli eventi che saranno.
La femmina è rivolta al passato, è riflessiva e revisionista.
Il maschio ha l’antenna e deve, per svolgere bene il suo ruolo, essere apertamente rivolto al plurale, perchè affidamento su tanti altri individui deve fare. Perchè gli individui a noi vicini sono presenze cerebrali, sono realtà condensatoriali.
La femmina ha l’attenzione rivolta al suo gemello, lo cerca costantemente, talmente tanto che non a caso il popolo femminile nega di pensare sempre al proprio lui, perchè è per loro una ovvietà innata.
Il maschio nuota verso il mare aperto, la femmina deve riuscire a stargli dietro, a non parderlo, deve mantenere il controllo della coppia, non può mai distrarsi dal riferimento maschile.
Al maschio piace guardare la vita, scrutare gli antri, spiare ciò che potrà essere.
Alla femmina piace annusare e soprattutto ascoltare. La femmina si diletta nell’ascoltare le parole saggie del suo complice, che fatica nei ragionamenti per capire e poterle riferire, per tranquilizzarla, per proteggerla e farla sentire amata.
La scienza sa queste cose.
La coppia è stata studiata a lungo negli anni, l’esistenza è fondata sul legame amoroso, non a caso l’umanità vive in famiglie, se così non fosse ognuno vivrebbe per i fatti suoi, in solitudine.
Il monito di questo articolo è quello di impegnarsi, ed è rivolto ai maschi in particolar modo. E’ dall’amicizia tra individui forti che può avere senso l’idea di perfect world. Una immagine che a me piace molto è quella di una circuitazione, mano nella mano, tra uomini, che insieme si propongono al futuro, uniti in fratellanza. Con le femmine rispettive agganciate ai compagni.
La mia convinzione è che chi sa tutto ciò sta lavorando intensamente per un mondo migliore, per annullare la diversità sociale che ancora è presente sul pianeta. Chi sa tutto ciò sono i personaggi che comandano il mondo, che sono tra essi uniti ed affiatati. Diamogli una mano anche noi, facciamo in modo che la catena umana prosegua, perchè il fine è qualcosa che tutti quanti interessa.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

PERCEPTION

Percezione.
Come è possibile?
Non si può mica inventare una cosa del genere, la si può solo trovare pronta per essere osservata.
Va guardata.
Che cosa bisogna guardare?
In che modo va guardata?
Il monitor è una periferica pc che permette di capire bene tale concetto. Il monitor trasmette una immagine che giunge al nostro senso della vista. L’immagine viene assimilata. La nostra attività cerebrale è rappresentata da un monitor magnetico, una schermata di punti e linee, figure tridimensionali a volte. Allo stesso modo di come osserviamo l’immagine del video è importante sapere osservare la propria immagine interna, la risultante della nostra attività percettiva. E’ faticoso, almeno i primi tempi; occorre inabissarsi in se stessi, all’interno della propria persona, della propria casa cerebrale. I risultati sono ottimi. La fatica viene ricompensata in benessere psicofisiologico. In questo modo si apprezza maggiormente la parte conscia del proprio comportamento, si va diradando l’inconscività prevalente. E’ una tecnica meccanica di indiscusso benessere: si diventa più responsabili, maggiormente controllori delle proprie scelte.
La realtà sta tutto qua.
La realtà è ciò che giunge ai nostri sensi.
Non occorre altro che osservarla, perchè lei attende solo di essere studiata e decifrata.
La realtà si presenta sempre per quello che è.
E’ qualcosa di interno a noi stessi: siamo noi la realtà.
Percezione è realtà.
Non esistesse la vita percettiva non avrebbe modo di esistere neppure la realtà intesa come materialità esterna non percepiente. E’ dall’attività correnziale, emozionalmente ininterrompibile, che ha senso la possibilità di esistenza delle cose esterne.
Percezione è fanciullezza, stupore, femminilità.
Quante volte ci hanno detto: “A cosa stai pensando?” e noi: “Ero sovrappensiero”.
E quante volte ci hanno parlato e noi avevamo la testa altrove.
Percezione volontaria è questo. E’ assentarsi dalla realtà per carpirla nel pieno del significato.
E’ strabiliarsi.
E’ stupirsi.
E’ sorridersi.
Percezione è spirito, infinitamente mutevole.
Ha voglia di parlare, per ascoltarsi.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

La destra e la sinistra

Due mani.
Due piedi.
Due emisferi.
Due occhi.
Volendo addentrarci: 2 punte correnziali.
Ma anche due orecchie .
E tante altre dualità.
Questo per quanto riguarda la persona.
Destra e sinistra sono anche i 2 poli politici.
Destra e sinistra sono la libertà decisionale degli istanti futuri. Siamo costantemente ad un bivio e dobbiamo ripetutamente schierarci. Scegliere se andare a destra o a sinistra.
Se stiamo chiacchierando con un amico, o anche una amica, allora è bene mantenere un comportamento sinistorso, rivolto alla persona con cui stiamo parlando.
Se siamo in un atteggiamento amoroso allora conviene un comportamento di destra, severo ed egoistico.
Sono indispensabili tutti e due gli schieramenti, un po’ come nella politica. Anche perchè la politica è fatta dalle persone che sono individui doppi, almeno doppi: abbiamo tutti 2 punte correnziali, due mani, due piedi, due emisferi, etc.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Ven Mar 09, 2007 3:37 pm    Oggetto: scrivi un romanzo Rispondi citando

Scrivi un romanzo e forse ti trovo io un editore. Laughing
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Progetti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group