utenti online
www.softwareparadiso.it Forum Index
Forum
sezione di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 
 FAQFAQ   SearchSearch   MemberlistMemberlist   UsergroupsUsergroups   RegisterRegister 
 ProfileProfile   Log in to check your private messagesLog in to check your private messages   Log inLog in 
BRAIN SIMULATION = PC-ROBOT
Goto page 1, 2, 3, 4, 5  Next
 
Post new topic   Reply to topic    www.softwareparadiso.it Forum Index -> Software tecnico
View previous topic :: View next topic  
Author Message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:00 am    Post subject: BRAIN SIMULATION = PC-ROBOT Reply with quote

Il software (la sequenza di istruzioni che lo rendono tale, differente da tutte le altre sequenze possibili di comandi, il modo con cui è stato scritto, il criterio di scelta del programmatore) è la PERSONALITA’ DEL PC-ROBOT, personalità impostata per ricevere ingressi ed operare su essi delle operazioni logiche in ottica fisica.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:01 am    Post subject: Reply with quote

Gli ingressi permettono al pc-robot di interagire con l’ambiente esterno, le operazioni che su essi vengono effettuate (disposizione nel vettore vocale, disposizione nelle matrici SKERM, correlazione, compattazione, priorità e scelta su 32 percorsi) sono la funzione logica di identità (personalità) della macchina (che sarebbe potuta essere impostata in moltissimi altri differenti modi: è stata invece impostata come è stata presentata perchè l’obiettivo dell’emulazione è simulare identicamente il sistema vivente). Ad ogni eseguzione (ingresso dati) il pc-robot sceglie una immagine piuttosto che tutte le altre: significa che gli ingressi di quella particolare eseguzione (combinazione alfa di ingresso) gli hanno ricordato (fatto venire in mente perchè in un certo modo programmato) quella particolare immagine piuttosto che tutte le altre. Ha effettuato una scelta logica, secondo la sua impostazione personale. Ciò che diventa importante è il seguente concetto: la scelta logica effettuata deve essere, se abbiamo fatto tutto giusto, quella massima, cioè il software deve essere stato scritto in modo che la scelta sia la più ampia possibile, quella che contiene tutte le altre possibili logiche. Se abbiamo fatto tutte le cose per bene allora abbiamo azzeccato la LOGICA MASSIMA che è la LOGICA DELLA PERSONALITA’ UMANA (comprendente tutte le logiche, quindi le sottologiche, cioè quelle logiche d’insieme più piccolo contenuto nell’insieme massimo che è l’insieme di istruzioni con cui abbiamo scritto il softare; perchè dovrebbe essere il software di massimo insieme? Perchè è la stesura più immediata, più semplice, come deve essere quella del cervello).
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:02 am    Post subject: Reply with quote

La dimostrazione di logica massima è la seguente: l’IO sta a cavallo di 2 DOMINI, quello di DX parte A’ e quello di SX parte E’; se sta a DX allora il DOMINIUM PERNO è per valori che da 1 tendono all’INFINITO, se sta a SX allora il DOMINIUM PERNO è per valori inferiori all’unità ma superiori o uguali allo zero, quindi sono l’insieme INFINITESIMO, LA TRANSIZIONE 0 – 1 DI ISTANTE. Il valore 1 di parte DX è ciò che CHIUDE L’ISTANTE, che permette l’esistenza dell’istante finito dato che è chiusura. Il valore 0 di parte SX è ciò che APRE L’ISTANTE, che permette l’esistenza dell’istante infinito (che in 1/314355 si realizza perchè INFINITO=INFINITESIMO --> troncamento alla 3° cifra decimale) dato che è apertura. Quindi l’apertura appartiene alla REALTA’ INCONSCIVA, la chiusura alla REALTA’ CONSCIVA. Grazie all’esistenza di parte E’=SX si ha l’apertura inconsciva dell’istante, grazie alla parte A’=DX si ha la chiusura consciva (con ricordo esistenziale incorporato) dell’istante con il troncamento alla 3° cifra decimale che permette infinitesimo=infinito. In questo modo tutti i valori del dominium perno che sono inferiori all’unità (tendenti fortemente all’infinitesimo), venendo troncati alla 3° cifra dopo la virgola, permettono di ottenere 0.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:03 am    Post subject: Reply with quote

Ciò vuol dire che l’unità matematica di parte DX, che chiude l’istante, è inscindibile dallo 0 di parte SX che apre l’istante: l’IO è ciò che sta in mezzo, ciò che esiste proprio perchè 0 e 1 combaciano in termini di apertura e chiusura dell’ISTANTE. Sullo 0 va inoltre detto che si può incappare, sia nel caso di perno numerico (inconsciva=SX=E’) che nel caso di perno non numerico (consciva=DX=A’) nel caso diretto di “non necessità di troncamento” che è il caso in cui MEMORY=0 e che quindi richiede 12 NUMERI DI MEMORIA che permettono di scegliere l’immagine. Tale caso, che è il caso più generale, in cui si incappa quando si trovano almeno 2 valori PRIOFOTO identici (0=0 --> ha contato gli azzeramenti), è ciò che con la sua esistenza permette l’esistere dell’istante energetico che si sviluppa con sequenza 3 fasi (123) permettendo la definizione del criterio a 12 fasi fisico-energetiche. Gli altri 2 casi (MEMORY=INFINITESIMO in cui ha trovato numero non nullo e MEMORY=INFINITO in cui ha trovato numero nullo e quindi ha contato gli azzeramenti) sono, come prima accennato, ciò che permette la transizione di istante: queste 3 casistiche, pur scegliendo un solo percorso per volta, sono sempre definite in esistenza contemporanea perchè gli altri 31 percorsi, pur non venendo scelti, esistono costantemente.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:04 am    Post subject: Reply with quote

Le 3 casistiche, essendo 2 identiche (ma una è antecedente e l’altra seguente o viceversa), sono in realtà 2, le solite: la via del non azzeramento e la via del conteggio azzeramenti (0=INFINITO).
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:04 am    Post subject: Reply with quote

Per tale dualità (libertà decisionale) che è in altri termini l’uguaglianza GRANDE=PICCOLA si ha un ultimo passaggio che permette la scelta corretta della tal immagine: chiameremo tale fase col nome di CONVERGITORE che altro non è che scegliere la foto fin qui estratta (che è il minimo o il massimo) o (parte da aggiungere) la sua analoga invertita ( che sarà il massimo o il minimo); è come dire che il pc-robot è giunto alla fatidica DECISIONE: si è fin qui concentrato a convergere su una foto (la minima o la massima) ed adesso deve scegliere tale foto o la sua CORRISPONDENTE DI SIMMETRIA (che comporta una inversione 180° = specchio).
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:05 am    Post subject: Reply with quote

Ciò diventa inevitabile dal momento che abbiamo fin qui operato senza tenere conto del minimo o del massimo o, più precisamente, abbiamo sempre avuto su minimo e massimo la stessa informazione (NUMMIN=NUMMAX come informazione contenuta) per poi procedere sulla via del minimo (identica alla massima) e giungere ad una scelta ad incastro minimo (la più piccola) massimo (la più grande) quindi può essere una scelta su un tipo di foto (quella valutata dal pc nel percorso) o quell’altra (quella che non abbiamo valutato perchè di identico contenuto informativo, ma che adesso dobbiamo riprendere in considerazione); è come se, sapendo di dovere arrivare a MINIMO=MASSIMO, avessimo trascurato una delle 2 vie (perchè di identica informazione) per tenerne conto in chiusura: questo perchè si ha LIBERTA’ DECISIONALE.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:05 am    Post subject: Reply with quote

E’ come in un torneo di calcio che una squadra effettua un percorso ad eliminazione incontrandosi in scontro diretto con altre squadre x arrivare in finale e vincere ed incontrare una ultima squadra che non ha ancora giocato, che aspetta di giocare la finalissima.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:06 am    Post subject: Reply with quote

In termini pratici ciò si realizza con una operazione di confronto sul vettore PRIOFOTO (o COUNTER se la casella di minimo PRIOFOTO contiene lo zero); tale operazione consiste nel trovare il minimo (se abbiamo trovato l’immagine del massimo) o il massimo (se viceversa abbiamo intrapreso un percorso di minimo d’immagine) e dopodichè effettuare un testa o croce che permetta la DECISIONE FINALE: la moneta cade di qua o di là (spessore infinitesimo=infinito) e determina la SCELTA.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:06 am    Post subject: Reply with quote

Il software fin qui scritto procede in modo identico su via minima e via massima fino alla definizione di NUMMIN e NUMMAX, dopodichè si schiera, procede sulla via del minimo dato che sarebbe identico procedere sulla massima (mnemonico) ma in questo modo si fa meno fatica (non mnemonico), per avere la scelta di un percorso di minimo (se il percorso cerca la più piccola) o un percorso di massimo (se il percorso cerca la più grande) ed infine tornare (parte da aggiungere) alla randomicità della situazione che permette la scelta della foto scelta col percorso (minimo o massimo) o della foto che sopraggiunge nel finale (massimo o minimo).
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:07 am    Post subject: Reply with quote

Si potrebbe pensare, erroneamente, che la via software da seguire sia quella di impostare tutti i 32 percorsi sul minimo per poi valutare col confronto d’arbitrarietà final-decisionale randomize anche la foto del massimo. Così non è perchè per avere sfera consciva ed inconsciva incastrate in unica sfera occorre avere la combinazione fisico-logica che permette l’istante in termini assiali: XeTY, ZeTY, che è ottenere l’istante supersimmetrico (PIANO CON NODO o analogamente NODI SU 2 CORDE) come incastro di 32 percorsi decisionali funzionanti con logica SPECCHIO IO SPECCHIO.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:07 am    Post subject: Reply with quote

I 32 percorsi sono suddivisi in 16 “la + grande” di massimo e 16 “la + piccola” di minimo. Una volta deciso il percorso viene anche decisa tale tipo di arbitrarietà, viene tolta l’indeterminazione. Il secondo tipo di indeterminazione, che è SX o DX, permette la scansionatura di un emisfero con conseguente scelta di una foto (che può essere di massimo o di minimo), ma per simmetria occorre andare a verificare pure l’altra direzione, con la stessa logica di massimo o minimo; in questo modo viene scelta anche un’altra immagine che è, come la precedente, di massimo o di minimo sullo stesso emisfero. Il terzo tipo di indeterminazione (VA o NON VA) è il completamento dell’incastro a 32 combinazioni. Disponendo di 2 foto, entrambe di massimo o di minimo, è possibile effettuare la scelta random 50% che ne tiene una ed esclude l’altra: l’immagine scelta potrà essere una immagine in PSX o in pdx e quella esclusa sarà di punta dx o PSX.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:08 am    Post subject: Reply with quote

Abbiamo allora, per ogni istante 3 IMMAGINI: quella di istante remoto che si sostituisce all’ultima in origine (1° foto), quella di istante presente, che è la scelta del ricordo (su cui si effettuerà modificazione d’istante presente per catalogarla come ultima foto di +INF) su una punta o sull’altra, ed immagine di istante presente di non scelta, l’antagonista che non è stato scelto, che occupa la posizione della punta che non è stata scelta.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:09 am    Post subject: Reply with quote

Stando così le cose siamo giunti alla definizione di 64 percorsi possibili dato che ne abbiamo 32 per l’emisfero dx e 32 per l’emisfero sx, che sono identici ma contraddistinti dalla condizione sul perno.
Back to top
View user's profile Send private message
genoa
esperto


Joined: 01 Nov 2006
Posts: 492
Location: Genova

PostPosted: Sat Jan 27, 2007 9:09 am    Post subject: Reply with quote

Una volta determinato il perno numerico o non numerico si sceglie automaticamente anche l’emisfero che andrà perlustrato quindi disponiamo di 32 possibili (16 in una direzione e 16, di simmetria Zav, nell’altra) combinazioni di scelta ma anche di 32 combinazioni di non scelta sull’altro emisfero che non è stato scelto dalla condizione sul perno. A questo punto occorre scansionare sia a DX che a SX l’emisfero in questione riducendo ad un solo percorso ed al suo simmetrico le possibilità percorsive in modo da ottenere 2 immagini su cui effettuare il randomize 50%.
Back to top
View user's profile Send private message
Display posts from previous:   
Post new topic   Reply to topic    www.softwareparadiso.it Forum Index -> Software tecnico All times are GMT + 1 Hour
Goto page 1, 2, 3, 4, 5  Next
Page 1 of 5

 
Jump to:  
You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot vote in polls in this forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group