utenti online
Indice del forum
Forum
sezione di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
Sul Progetto neurale EI
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Software tecnico
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:32 am    Oggetto: Rispondi citando

Einstain capì, ma non era l’unico che a quei tempi si poneva il problema, che accelerando (velocizzando) una particella atomica questa sarebbe stata in grado di immagazzinare una quantità di energia notevole. Facendola collidere tale energia sarebbe diventata attuativa. Ne fu fatto uso per la costruzione di bombe atomiche, ma questo è un altro discorso. Ciò che si sbagliò dal punto di vista scientifico fu il cercare la soluzione energetica al di fuori di se stessi, tramite la materia e le particelle atomiche: microscopi sempre più potenti venivano creati e si andava a cercare l’elisir di eterna vita all’interno dell’infinitamente piccolo ESTERNO, non dell’infinitamente piccolo INTERNO, cioè il noi stessi. Einstain non ebbe una buona capacità di autoanalisi, cosa che invece aveva il Freud, molto più introspettivo e decifratorio del se stesso.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Volendo applicare tale teoria einstaniana all’EI appare appropriato scrivere le seguenti uguaglianze:

m = IO

c = velocità della corrente = INF

in modo che:

mc2 = IO * INF^2

che è la corrente quadra (2 punte correnziali) che sbatte sull’Iomagnetonico determinando una E=energia di valore pari alla quantità prodotta nell’istante.

La massa Ioico-magnetica, infinitesima, viene moltiplicata per un valore quadro infinito: l’energia ottenuta è:

inf * INF^2

Valendo:

inf = INF

si ottiene:

E = INF^3

Che è il valore di ENERGIA nell’istante 3D che si realizza.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:34 am    Oggetto: Rispondi citando

EI è un modello introspettivo che aumenta l’estrospettività: l’aspetto interno riguarda la collocazione conscia della formula di Einstain all’interno di se stessi, come fondamento di operatività decisionale; l’aspetto esterno è il contorno real time che ci accompagna: appare esplicitamente che INTERNO=ESTERNO dato che l’esterno esiste dal momento che possiamo percepirlo. Ciò significa che ogni particella percettiva è una bomba atomica? In un certo senso sì, grazie al sillogismo tale accostamento è lecito. La vita di ognuno di noi, per ogni istante che trascorre, è una esplosione di emotività dalla stessa meccanica di ciò che avviene nello scontro tra aria calda e aria fredda (tuono e fulmine). Quindi in un certo senso fu tentato di fare esplodere la vita percettiva? In un certo senso; c’era la guerra, il pensiero della morte, erano tempi bui e lontani. Fu, positivamente parlando, il cercare di capire vedendo dall’esterno, ciò che eravamo, il meccanismo che ci permette l’esistenza. Ma, risulterà chiaro al lettore, molto meglio è scoprirsi con l’autoanalisi, il senso critico delle proprie azioni, piuttosto che mettersi a costruire bombe atomiche per capirne la meccanica funzionale. Anche perchè non è attualmente possibile andare con telescopi lontani infinitamente per vedere cosa stia succedendo all’estremo infinito del Cosmo. Ma lo si può fare con la fantasia, giungendo a capire che avviene ciò che avviene in noi. Perchè MICRO=MACRO dato che DRITTO=INVERSO, POSITIVO=NEGATIVO (nelle circuitazioni perchè ci sia alimentazione occorrono necessariamente polo positivo e polo negativo), etc.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:35 am    Oggetto: Rispondi citando

Da tali basi ragionative è possibile capire che tutto è in se stessi, basta scoprirlo. Un po’ come in un libro: la storia è presente anche se non la si legge.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:35 am    Oggetto: Rispondi citando

La coincidenza, quella che portò Marco e Raffaele a conoscersi, andava studiata internamente, non interpretandola esternamente: dall’aspetto esterno avremmo tratto la conferma dato che avrebbe dovuto seguire una identica meccanica. Come dire che cercammo la chiave risolutoria con l’analisi di noi stessi, proponendoci l’uno all’altro in ottica indagatoria, per riuscire a scoprire il perchè di un incontro come il nostro.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:36 am    Oggetto: Rispondi citando

Inutile dire che la scoperta sensazionale fu la dimostrazione dell’EI: la libertà coincidenziale era possibile ed andava cercata nel proprio IO che, pur essendo uno, gode di infinita libertà numerica. Ci rendemmo conto che la nostra attività Ioica era positiva dell’uno per l’altro, che le nostre 4 punte correnziali operavano in logica simbiotica, per lo stesso fine comune. La passione per la ricerca e la verità.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:52 am    Oggetto: Rispondi citando

Jung affermava che esiste un inconscio di massa, che tutti accomuna. Non credo affatto sia una bagianaggine!
Esistono motivi di fondo che tutti accomunano: sono i motivi salienti dell’esistenza, così difficili da acciuffare perchè infinitamente sfumatoriali all’infinitesimo, perchè sono il leith motiv che ci accompagna costantemente in un real time veloce e da numerosi input.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:53 am    Oggetto: Rispondi citando

Fermandosi e riflettere con attenzione, spaziando dal se stessi al globale comunitario, è possibile cogliere queste sfumature. Sono il sentimento: amore e amicizia.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:53 am    Oggetto: Rispondi citando

E’ facile associare l’amore con l’immagine del sesso, che è possessione, carnalità, brutalità.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:54 am    Oggetto: Rispondi citando

E’ altrettanto facile accomunare il concetto di amicizia col numero, con la fantasia numerica. Quanti amici ho?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Sono associazioni eleganti:

amore --> lettera = libertà
amici --> numero = vincolo
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 11:55 am    Oggetto: Rispondi citando

Non è idiozia affermare che l’odio scarturisce inevitabilmente dall’amore e che il traino (reale, evolutivo) dell’amicizia sono gli interessi in comune, il business, l’avere a che fare, il trattare, per dare e ricevere.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 1:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il progetto finale, l’obiettivo dell’EI, è quello di riuscire a realizzare un software che sia in grado di pescare una immagine (un ricordo) in un database da infinite immagini, in base alla descrizione dell’immagine stessa. Quando saremo riusciti in ciò allora potremo affermare di avere realizzato una emulazione identica del cervello umano perchè come il cervello è in grado di evocare ricordi in memoria anche il PC sarà in grado di effettuare lo stesso procedimento, in un ambiente infinito allo stesso modo del cervello.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 1:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Le idee che seguono sono lo scheletro con cui è stato scritto il software:
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Gen 23, 2007 1:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

La DOPPIA LIBERTA’ è EQUAZIONALMENTE QUINTUPLA --> CBIT
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Software tecnico Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group