utenti online
Indice del forum
Forum
sezione di
www.softwareparadiso.it
software, servizi, informazioni sull'edilizia e la casa
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
simulazione emotiva
Vai a pagina 1, 2  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Software tecnico
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 11:55 am    Oggetto: simulazione emotiva Rispondi citando

Ciao Marco
aspetto che mi delucidi un pò sui dati da immettere nel software di simulazione, in questa discussione, così si possono sempre rileggere, per noi e per tutti.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 12:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

all'avvio del software appaiono 92 codici che corrispondono a 92 livelli emozionali, dal 1° che è il più importante, al 92° che è il meno "gettonato"; sul perchè 92 e non un altro numero occorre rifarsi alla teoria cosmica di collocazione dell'identità percettiva in un macro ambiente: utilizzando tale numero è possibile collocare il Mother naturale nella trattazione, è possibile definire la sua Presenza Non Percepiente in termini di stato emozionale paura e|o ridere
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 12:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

occorre cliccare su uno dei 92 codici disposti su 4 colonne da 23 elementi ciascuna; tale decisione comporta la scelta della punta correnziale e dello stato emozionale: sono previste 4 possibilità per la punta sinistra e 4 possibilità per la punta destra; in base alla scelta effettuata si decide la Dirachiana istantanea delle lettere condensatoriali DFPU
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 2:11 pm    Oggetto: dati inziali Rispondi citando

Dunque esiste una scala di valori da 1 a 92 oppure è una scala di valori per ognuna delle 4 colonne di dati?
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 2:36 pm    Oggetto: scala di valori Rispondi citando

Volevo dire che se si tratta di una scala di valori fino al 92 elemento cliccabile devono essere anche inseriti nella form in modo da presentare visivamente questo fatto. Ma non è un problema, basta capire il funzionamento del software.
Poi mi dirai anche dei due stati emozionali, delle due qualità, positiva e negativa, se viene prima l'una o l'altra, ecc.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Mar Dic 05, 2006 3:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il concetto importante che l'operatore deve avere a mente è che da 2 possibili scelte di stato emozionale (paura o ridere) e da 2 punte correnziali (sinistra o destra) è possibile ottenere una combinazione di istante emozionale (di un certo livello emozionale): questa è l'utilità concettuale del 1° form. In più, perchè la simulazione mantenga analogia con la realtà, sono state rese opzionabili sia le caratterialità minuscole che quelle maiuscole, in modo da portare le possibili scelte ad 8 in base alla dualità caratteriale (positiva o negativa) che è riconosciuta dall'ambiente Matlab; la versione VB lascia alla libera interpretazione utenza la scelta di positività o negatività, ciò che conta con la selezione di uno tra 92 codici è la decisione di utilizzo del DFPU ridere o del DFPU paura (lo stato emozionale più che il codice emozionale è importante nell'applicazione VB dato che la positività o la negatività, ed anche l'arbitrarietà di scelta della punta sono lasciate alla libera interpretazione dell'operatore, fermo restando che la simulazione è coerente all'aspetto reale)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Mer Dic 06, 2006 7:40 pm    Oggetto: la scelta dell'operatore Rispondi citando

Vedrei più aderente alla scelta dell'operatore inserire i 92 elementi secondo una scala di valore o più scale separate, magari positivo-negativo, maggiore-minore, e altro. Così ci sarebbero anche risultati più omogenei tecnicamente con l'input.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 10:52 am    Oggetto: stati emozionali Rispondi citando

Anche gli stati emotivi mi paiono pochi solo due: paura e ridere. Vedrei anche lo stupore, la rabbia (importantissima nelle simulazioni perchè in quello stato la persona ha un solo obiettivo nella mente, quello di risolvere il problema immediato della sua rabbia), oltre all'affetto, la malinconia, l'apatia, la meraviglia e chissà quanti altri.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 12:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Definirei la rabbia come una reazione ad una situazione di pericolo che appartiene allo stato emozionale della paura; per questo motivo la rabbia è reputabile come principale rinforzo delle lettere AONZ di parte A’ che è la parte dell’amore. Tre esempi per dimostrare quanto detto: la tigre se non trova cibo si spaventa e quindi si arrabbia per avere più possibilità di trovarne (aumento adrenalinico); lo studente si arrabbia se l’esame va male perchè a casa lo sgrideranno o perchè non avrà la media per partecipare alla selezione dei più bravi; se un cane tenta di aggredirmi mi arrabbio per trovare le forze per reagire o per scappare.
Gli stati emozionali del ridere e della paura sono le vibrazioni essenziali, vitali, che sono state suddivise in più livelli di codice proprio per distinguere le differenti situazioni (rabbia, malinconia, etc, che non sono stati emozionali, ma componenti degli stessi). Ad esempio il piangere è associato ad uno stato di ridere, perchè è uno sfogo piacevole, quindi anche la malinconia è una branchia del ridere, solo che a differenza della rabbia riguarda una situazione di relax, quindi delle lettere AONZ di parte E’ del riposo.
Allo stesso modo esiste il relax del ridere per le AONZ di parte A’ (ad esempio una coppia innamorata che gioca a carte) ed esiste il rinforzo dell’amicizia dell’AONZ di parte E’ (due amici che fanno la lotta).
Non va mai confuso lo stato emozionale basilare (vibrazione vitale) da ciò che lo definisce codicisticamente, che è situazione componentistica, che definisce e caratterizza una emozione da un altra.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 12:53 pm    Oggetto: capire con immediatezza Rispondi citando

L'operatore non può approfondire la tecnica della elaborazione: egli deve avere davanti a sè uno strumento che facilità o risolva un problema non un meccaniscmo che lo complichi. Per questo ogni scelta deve essergli precisata con chiarezza. Vedi quante parole devi usare per dimostrare che gli stati di emozione principali sono, secondo te, paura e ridere?
Poi andrebbe anche meglio precisato il "ridere" che è un'espressione di un'emozione, ma non l'emozione in sè.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 1:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

Definire gerarchicamente i 92 livelli emozionali non è cosa facile. Future versioni andranno a distinguere le varie tipologie "ridere" da quelle "paura". Tale versione, che è il modello elementare, distingue i 2 stati emozionali, per il resto c'è molta libertà operativa. Il modello non complica, semplifica le cose, le dispone su 2 vie, saranno le implementazioni ad essere più elaborate con differenziazione di un codice da un altro. Questo lavoro è geometrico-matematico, le future versioni saranno più improntate all'aspetto psicoanalitico.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 1:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

In questo modello è importante la definizione della geometria multidimensionale, che è un concetto indipendente dal codice emozionale ma strettamente dipendente dagli input letterari che si vanno ad inserire. Con l'esperienza esegutiva il programmatore di EI imparerà a riconoscere una uscita di una data situazione emozionale da un'altra. Tutto sta nel provare, capire e confrontare i vari ottenimenti. L'immensa varietà operativa offerta dal software sta proprio nella libertà letteraria: se il programmatore EI decide di inserire un discorso di rabbia, benissimo, saprà che le uscite numeriche ottenute sono relative ad uno stato di rabbia (che è pur sempre emozionale), indipendentemente dal codice che la situazione di rabbia occupa nella scala gerarchico ridere=paura.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 2:03 pm    Oggetto: le opzioni Rispondi citando

Anche se non si vuole inserire una scala gerarchica di valore è fuori di dubbio che bisogna distinguere la tipologia di scelta di un tasto in luogo di un altro, altrimenti diventa non indispenabile la presenza umana.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
genoa
esperto


Registrato: 01/11/06 10:48
Messaggi: 492
Località: Genova

MessaggioInviato: Sab Dic 09, 2006 2:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

La primaria funzione dell'EI è quella di permettere all'operatore (programmatore di apparato neurale) di capire la funzione di se stesso e prendere confidenza con l'ambiente ad infinite combinazioni. E' comunque fuori dubbio che, disponendo della macchina totalmente emulativa, sia possibile calcolare le infinite combinazioni: l'importanza dell'operatore sta proprio nell'andare ad esplorare le infinite possibilità di cui dispone (dalla prima a prove sempre più sofisticate). Resta vero il fatto che identiche eseguzioni, per adesso, danno identici risultati; questo perchè la libertà letteraria è vincolata alla posizione numerica.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
staff
Site Admin


Registrato: 15/10/06 11:02
Messaggi: 980

MessaggioInviato: Dom Dic 10, 2006 10:22 am    Oggetto: input dati Rispondi citando

L'input iniziale dei dati deve essere distinguibile l'uno dall'altro: anche se non gerarchicamente come importanza, ma qualitativamente. Se non è così è difficile mettere mano anche all'approntamento del codice in VB.
_________________
software: www.softwareparadiso.it/catalogo.htm
----------
consulenze tecniche: www.softwareparadiso.it/studio/consulenza.htm
----------
editing manoscritti: www.softwareparadiso.it/studio/letteratura/scrittori/aiuto_prezzi.html
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Software tecnico Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina 1, 2  Successivo
Pagina 1 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group